a mali estremi, estremi rimedi

6 Dic
questo è un post semi-inutile, sappiatelo, giusto per sfogare il mio nervoso.
perchè cioè, io non mi capacito di certe cose.
sarei un’ingrata se non contemplassi il videoregistratore. che però:
1) mi sono offerta di pagare;
2) tu non puoi usare perchè non hai la presa scart;
3) mi venderai comunque tra un annetto quando traslocherai, quindi direi che ormai è proprio roba mia.
e fin qui, ci siamo.
altra parentesi: non consideriamo i favori da me fatti, che implicano la mia faccia messa in gioco. e chiudiamo pure questa.
ora, non è che siccome a te non darebbe fastidio darmi in prestito ogni giorno qualcosa di tuo, allora devi dare per scontato che questo valga anche per me.
io ti presto volentieri una cosa, due tre quattro, finanche cinque, tutti i giorni, ma se poi tu stessa vedi che la usi/ti serve non è logico comprarsela, forse? e perlomeno chiedimi il permesso, cazzo! non è che poichè alla quinta volta ti vergogni, non mi dici niente e poi devo accorgermene da sola! chè se c’è una cosa che mi fa uscire dai gangheri, è quando qualcuno armeggia tra le mie cose. e perchè mi dà fastidio??
perchè io non mi permetterei mai e poi mai di ravanare nel cassetto o nell’armadio ma nemmeno di mia cugina, e l’esempio è fatto appositamente con una parente-gemella del destino-alterego-sorella di sangue. e ritorniamo alla prima frase. io non ti chiedo in prestito 10 cose, perchè faccio in modo di non farmi mancare nessuna di quelle 10 cose. e mi chiedo… ma cristo, è così difficile??? io non sono wonderwoman. e allora spiegatemi perchè quando è il mio turno in questa casa non si rimane mai senza cartaigienica, senza zucchero, senza detersivo dei piatti e quando è il turno altrui dobbiamo trangugiare il caffè amaro in ciotole per l’assenza di tazze pulite ringraziando il santissimo inventore dei fazzoletti per svariati giorni di seguito?? perchè???
ciò che più mi fa incazzare è che sono sola in questa condizione. e se mi comportassi io così, avrebbero da ridire. giuro, troverebbero il modo di rinfacciarmi qualcosa, qualsiasi cosa. perchè non dimentichiamoci che quando la blatta è stata trovata in camera sua, la colpa è stata data ai piatti sotto il lavello. ma porco cane, chi diavolo è che lascia i piatti lì sotto per giorni???
basta, ricomponiamoci se no mi parte dritto un embolo su per il cervello.
certo, mi è andata molto molto peggio in passato. queste sono sciocchezzuole da niente, in confronto. ma c’è un limite alla mia pazienza, molto molto breve.
dunque vabbè, che dire. poichè abbiamo a che fare con una recidiva cronica finto-smemorata, bisognerà agire di conseguenza.
fortunatamente, la mia mente all’occorrenza diventa pari a quella di un genio del male.
trema mia cara, a breve dovrai affrontare quella marea di servizi che rimandi da tempo… embè, tanto c’è la cara roberta, mi pare giusto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: